object(WP_Query)#19071 (60) {
  ["query"]=>
  array(9) {
    ["post_type"]=>
    string(12) "tribe_events"
    ["eventDisplay"]=>
    string(6) "custom"
    ["start_date"]=>
    string(16) "2011-01-01 00:01"
    ["tax_query"]=>
    array(1) {
      [0]=>
      array(4) {
        ["taxonomy"]=>
        string(24) "stagione_evento_taxonomy"
        ["field"]=>
        string(7) "term_id"
        ["terms"]=>
        array(1) {
          [0]=>
          string(3) "227"
        }
        ["operator"]=>
        string(2) "IN"
      }
    }
    ["meta_key"]=>
    string(15) "_EventStartDate"
    ["posts_per_page"]=>
    int(-1)
    ["meta_query"]=>
    array(1) {
      [0]=>
      array(3) {
        ["key"]=>
        string(13) "_EventEndDate"
        ["value"]=>
        string(19) "2018-12-12 23:10:45"
        ["compare"]=>
        string(1) ">"
      }
    }
    ["orderby"]=>
    string(10) "meta_value"
    ["order"]=>
    string(3) "ASC"
  }
  ["query_vars"]=>
  array(72) {
    ["post_type"]=>
    string(12) "tribe_events"
    ["eventDisplay"]=>
    string(6) "custom"
    ["start_date"]=>
    string(19) "2011-01-01 00:01:00"
    ["tax_query"]=>
    array(1) {
      [0]=>
      array(4) {
        ["taxonomy"]=>
        string(24) "stagione_evento_taxonomy"
        ["field"]=>
        string(7) "term_id"
        ["terms"]=>
        array(1) {
          [0]=>
          string(3) "227"
        }
        ["operator"]=>
        string(2) "IN"
      }
    }
    ["meta_key"]=>
    string(15) "_EventStartDate"
    ["posts_per_page"]=>
    int(-1)
    ["meta_query"]=>
    array(3) {
      [0]=>
      array(2) {
        ["key"]=>
        string(15) "_EventStartDate"
        ["type"]=>
        string(8) "DATETIME"
      }
      ["relation"]=>
      string(3) "AND"
      [1]=>
      array(3) {
        ["key"]=>
        string(13) "_EventEndDate"
        ["value"]=>
        string(19) "2018-12-12 23:10:45"
        ["compare"]=>
        string(1) ">"
      }
    }
    ["orderby"]=>
    string(10) "meta_value"
    ["order"]=>
    string(3) "ASC"
    ["error"]=>
    string(0) ""
    ["m"]=>
    string(0) ""
    ["p"]=>
    int(0)
    ["post_parent"]=>
    string(0) ""
    ["subpost"]=>
    string(0) ""
    ["subpost_id"]=>
    string(0) ""
    ["attachment"]=>
    string(0) ""
    ["attachment_id"]=>
    int(0)
    ["name"]=>
    string(0) ""
    ["static"]=>
    string(0) ""
    ["pagename"]=>
    string(0) ""
    ["page_id"]=>
    int(0)
    ["second"]=>
    string(0) ""
    ["minute"]=>
    string(0) ""
    ["hour"]=>
    string(0) ""
    ["day"]=>
    int(0)
    ["monthnum"]=>
    int(0)
    ["year"]=>
    int(0)
    ["w"]=>
    int(0)
    ["category_name"]=>
    string(0) ""
    ["tag"]=>
    string(0) ""
    ["cat"]=>
    string(0) ""
    ["tag_id"]=>
    string(0) ""
    ["author"]=>
    string(0) ""
    ["author_name"]=>
    string(0) ""
    ["feed"]=>
    string(0) ""
    ["tb"]=>
    string(0) ""
    ["paged"]=>
    int(0)
    ["meta_value"]=>
    string(0) ""
    ["preview"]=>
    string(0) ""
    ["s"]=>
    string(0) ""
    ["sentence"]=>
    string(0) ""
    ["title"]=>
    string(0) ""
    ["fields"]=>
    string(0) ""
    ["menu_order"]=>
    string(0) ""
    ["embed"]=>
    string(0) ""
    ["category__in"]=>
    array(0) {
    }
    ["category__not_in"]=>
    array(0) {
    }
    ["category__and"]=>
    array(0) {
    }
    ["post__in"]=>
    array(0) {
    }
    ["post__not_in"]=>
    array(0) {
    }
    ["post_name__in"]=>
    array(0) {
    }
    ["tag__in"]=>
    array(0) {
    }
    ["tag__not_in"]=>
    array(0) {
    }
    ["tag__and"]=>
    array(0) {
    }
    ["tag_slug__in"]=>
    array(0) {
    }
    ["tag_slug__and"]=>
    array(0) {
    }
    ["post_parent__in"]=>
    array(0) {
    }
    ["post_parent__not_in"]=>
    array(0) {
    }
    ["author__in"]=>
    array(0) {
    }
    ["author__not_in"]=>
    array(0) {
    }
    ["tribeHideRecurrence"]=>
    int(1)
    ["ignore_sticky_posts"]=>
    bool(false)
    ["suppress_filters"]=>
    bool(false)
    ["cache_results"]=>
    bool(true)
    ["update_post_term_cache"]=>
    bool(true)
    ["lazy_load_term_meta"]=>
    bool(true)
    ["update_post_meta_cache"]=>
    bool(true)
    ["nopaging"]=>
    bool(true)
    ["comments_per_page"]=>
    string(2) "50"
    ["no_found_rows"]=>
    bool(false)
    ["taxonomy"]=>
    string(24) "stagione_evento_taxonomy"
    ["term_id"]=>
    string(3) "227"
  }
  ["tax_query"]=>
  object(WP_Tax_Query)#19076 (6) {
    ["queries"]=>
    array(1) {
      [0]=>
      array(5) {
        ["taxonomy"]=>
        string(24) "stagione_evento_taxonomy"
        ["terms"]=>
        array(1) {
          [0]=>
          string(3) "227"
        }
        ["field"]=>
        string(7) "term_id"
        ["operator"]=>
        string(2) "IN"
        ["include_children"]=>
        bool(true)
      }
    }
    ["relation"]=>
    string(3) "AND"
    ["table_aliases":protected]=>
    array(1) {
      [0]=>
      string(32) "wp_2hcgmsu19i_term_relationships"
    }
    ["queried_terms"]=>
    array(1) {
      ["stagione_evento_taxonomy"]=>
      array(2) {
        ["terms"]=>
        array(1) {
          [0]=>
          string(3) "227"
        }
        ["field"]=>
        string(7) "term_id"
      }
    }
    ["primary_table"]=>
    string(19) "wp_2hcgmsu19i_posts"
    ["primary_id_column"]=>
    string(2) "ID"
  }
  ["meta_query"]=>
  object(WP_Meta_Query)#19077 (9) {
    ["queries"]=>
    array(3) {
      [0]=>
      array(1) {
        ["key"]=>
        string(15) "_EventStartDate"
      }
      [1]=>
      array(3) {
        [0]=>
        array(2) {
          ["key"]=>
          string(15) "_EventStartDate"
          ["type"]=>
          string(8) "DATETIME"
        }
        [1]=>
        array(3) {
          ["key"]=>
          string(13) "_EventEndDate"
          ["value"]=>
          string(19) "2018-12-12 23:10:45"
          ["compare"]=>
          string(1) ">"
        }
        ["relation"]=>
        string(3) "AND"
      }
      ["relation"]=>
      string(3) "AND"
    }
    ["relation"]=>
    string(3) "AND"
    ["meta_table"]=>
    string(22) "wp_2hcgmsu19i_postmeta"
    ["meta_id_column"]=>
    string(7) "post_id"
    ["primary_table"]=>
    string(19) "wp_2hcgmsu19i_posts"
    ["primary_id_column"]=>
    string(2) "ID"
    ["table_aliases":protected]=>
    array(3) {
      [0]=>
      string(22) "wp_2hcgmsu19i_postmeta"
      [1]=>
      string(3) "mt1"
      [2]=>
      string(3) "mt2"
    }
    ["clauses":protected]=>
    array(3) {
      ["wp_2hcgmsu19i_postmeta"]=>
      array(4) {
        ["key"]=>
        string(15) "_EventStartDate"
        ["compare"]=>
        string(1) "="
        ["alias"]=>
        string(22) "wp_2hcgmsu19i_postmeta"
        ["cast"]=>
        string(4) "CHAR"
      }
      ["mt1"]=>
      array(5) {
        ["key"]=>
        string(15) "_EventStartDate"
        ["type"]=>
        string(8) "DATETIME"
        ["compare"]=>
        string(1) "="
        ["alias"]=>
        string(3) "mt1"
        ["cast"]=>
        string(8) "DATETIME"
      }
      ["mt2"]=>
      array(5) {
        ["key"]=>
        string(13) "_EventEndDate"
        ["value"]=>
        string(19) "2018-12-12 23:10:45"
        ["compare"]=>
        string(1) ">"
        ["alias"]=>
        string(3) "mt2"
        ["cast"]=>
        string(4) "CHAR"
      }
    }
    ["has_or_relation":protected]=>
    bool(false)
  }
  ["date_query"]=>
  bool(false)
  ["request"]=>
  string(1849) "
			SELECT
				SQL_CALC_FOUND_ROWS *
			FROM (
				SELECT  DISTINCT wp_2hcgmsu19i_posts.*, wp_2hcgmsu19i_postmeta.meta_value as EventStartDate, tribe_event_end_date.meta_value as EventEndDate FROM wp_2hcgmsu19i_posts  LEFT JOIN wp_2hcgmsu19i_term_relationships ON (wp_2hcgmsu19i_posts.ID = wp_2hcgmsu19i_term_relationships.object_id) INNER JOIN wp_2hcgmsu19i_postmeta ON ( wp_2hcgmsu19i_posts.ID = wp_2hcgmsu19i_postmeta.post_id )  INNER JOIN wp_2hcgmsu19i_postmeta AS mt1 ON ( wp_2hcgmsu19i_posts.ID = mt1.post_id )  INNER JOIN wp_2hcgmsu19i_postmeta AS mt2 ON ( wp_2hcgmsu19i_posts.ID = mt2.post_id ) LEFT JOIN wp_2hcgmsu19i_postmeta as tribe_event_end_date ON ( wp_2hcgmsu19i_posts.ID = tribe_event_end_date.post_id AND tribe_event_end_date.meta_key = '_EventEndDate' )  WHERE 1=1  AND ( 
  wp_2hcgmsu19i_term_relationships.term_taxonomy_id IN (227)
) AND ( 
  wp_2hcgmsu19i_postmeta.meta_key = '_EventStartDate' 
  AND 
  ( 
    mt1.meta_key = '_EventStartDate' 
    AND 
    ( mt2.meta_key = '_EventEndDate' AND mt2.meta_value > '2018-12-12 23:10:45' )
  )
) AND wp_2hcgmsu19i_posts.post_type = 'tribe_events' AND (wp_2hcgmsu19i_posts.post_status = 'publish' OR wp_2hcgmsu19i_posts.post_status = 'acf-disabled' OR wp_2hcgmsu19i_posts.post_status = 'tribe-ea-success' OR wp_2hcgmsu19i_posts.post_status = 'tribe-ea-failed' OR wp_2hcgmsu19i_posts.post_status = 'tribe-ea-schedule' OR wp_2hcgmsu19i_posts.post_status = 'tribe-ea-pending' OR wp_2hcgmsu19i_posts.post_status = 'tribe-ea-draft') AND (wp_2hcgmsu19i_postmeta.meta_value >= '2011-01-01 00:01:00' OR (wp_2hcgmsu19i_postmeta.meta_value <= '2011-01-01 00:01:00' AND tribe_event_end_date.meta_value >= '2011-01-01 00:01:00' )) ORDER BY EventStartDate ASC, wp_2hcgmsu19i_postmeta.meta_value ASC 
			) a
			GROUP BY IF( post_parent = 0, ID, post_parent )
			ORDER BY EventStartDate ASC
			
		"
  ["posts"]=>
  array(33) {
    [0]=>
    object(WP_Post)#19111 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25856)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-05-15 10:41:08"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-05-15 09:41:08"
      ["post_content"]=>
      string(1813) "Edvard Much lo definì “il più potente paesaggio invernale dell’arte Scandinava”. Ma il freddo dell’inverno, in questa vicenda scabrosa e claustrofobica, è tutto interiore, dell’anima.
John Gabriel Borkman è un self made man: per lui conta la carriera, a tutti i costi. Ha rubato, ma non per sé. Lo ricorda lo storico del teatro Roberto Alonge: ruba «perché si sente il portavoce del progresso, è l’angelo sterminatore del vecchio mondo precapitalistico». Condannato al carcere per i suoi affari poco chiari, Borkman è tornato libero ma si chiude in casa, in attesa di una "grande occasione".
Piero Gobetti descrisse il teatro di Ibsen come «l’itinerario dell’eroe in cerca del suo ambiente»: e qui l’ambiente è condiviso da due sorelle, entrambe presenti nella vita dell’uomo. La moglie, in un matrimonio freddo, aspro e irrisolto; e il primo amore cui Borkman ha rinunciato per interesse. È uno scontro fra femminile e maschile, è un abisso. Afferma ancora Alonge: «è l’universo della Cultura (che vuol dire repressione) contro la vita dell’istinto, della carne, della felicità».
John Gabriel Borkman ha attratto i maggiori registi al mondo: è un’opera complessa, austera, inquieta, e di raffinata bellezza per quei ritratti umani, per i dialoghi che possono essere attualissimi e al tempo stesso eterni. Affidati all’interpretazione di tre grandi attori, a partire da Gabriele Lavia come protagonista, con Laura Marinoni e Federica Di Martino, il Borkman, nelle sue “scene da un matrimonio” che sarebbero state care a Bergman, fa ancora esplodere le ambizioni di un secolo, l’Ottocento, intriso di superomismo e idealismo, di simbolismo e psicopatologia, ma già svela, in nuce, quelli che saranno i grandi traumi del Novecento. E forse di oggi."
      ["post_title"]=>
      string(20) "JOHN GABRIEL BORKMAN"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(22) "john-gabriel-borkman-2"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-30 12:41:56"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-30 11:41:56"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25856"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2018-12-05 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2018-12-16 23:30:00"
    }
    [1]=>
    object(WP_Post)#19112 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25253)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 12:34:59"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 11:34:59"
      ["post_content"]=>
      string(1886) "Napoli è considerata genericamente una città superstiziosa. Una città, cioè, in cui la gente crede fortemente al potere di amuleti o di improbabili riti quotidiani e alle fortune di notturne rivelazioni propiziatorie. Napoli è, però, soprattutto città in cui si crede al fatto che i morti “sostanzialmente” persistano ed è soprattutto questa singolare dottrina, col culto che ne consegue, a fare di Napoli una città superstiziosa. I morti, infatti, ancorché tali, sono ritenuti sempre e comunque superstiti. Stanno ancora, insomma, sopravvivono in una qualche forma credibile. Il commissario Luigi Alfredo Ricciardi è inquieto testimone sensoriale di questa presunta resistenza dei defunti. E lo è non tanto, e non solo, perché lui i morti li vede, in particolare quelli deceduti per cause violente, ma perché è egli stesso il prodotto di una vita solo presunta ancorché credibile.

“... Le spalle di Ricciardi perdono consistenza, come le cose quando diventano ricordi.”

Di questo ci avverte Maurizio De Giovanni concludendo una simpatica postfazione al Senso del dolore in cui descrive un suo incontro reale col commissario. L'autore riconsegna, quindi, la sua creatura al senso ed alla forma di una memoria. Non lo restituisce come una sporadica evanescenza immaginaria, ma come qualcuno da poter ricordare anche se non più esistente. Un morto appunto. Nell'immaginare, quindi, il luogo scenico da eleggere a possibile crocevia di questo strano miscuglio tra ricordo e morte mi ritrovo a prefigurare una stanza della memoria. Quella dell'autore che scrive dei suoi personaggi e della loro storia, quella del commissario che li re-cita redigendo il verbale sui fatti accaduti. I due sono officianti sovrapposti di una complessa superstizione in cui i superstiti, i sopravvissuti, non sono solo quelli già esistiti, ma anche quelli mai esistiti."
      ["post_title"]=>
      string(19) "IL SENSO DEL DOLORE"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(19) "il-senso-del-dolore"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-11 20:30:26"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-11 19:30:26"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25253"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2018-12-26 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-01-06 17:00:00"
    }
    [2]=>
    object(WP_Post)#19113 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25348)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 21:13:23"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 20:13:23"
      ["post_content"]=>
      string(2408) "La rilettura dell'Oedipus sofocleo, firmata da Robert Wilson, ha debuttato con grande successo di pubblico e critica al Teatro Grande di Pompei, nell'ambito della seconda edizione di "Pompeii Theatrum Mundi", lo scorso mese di luglio. Uno spettacolo che abbatte ogni confine tra teatro, danza, musica ed arte visiva, senza seguire l’originaria struttura drammaturgica del testo di Sofocle, ma facendo riferimento ad una successione cronologica dei fatti narrati da due testimoni, quasi omerici aedi, le cui diverse lingue si intersecano a testimoniare un mito che liberamente attraversa ogni confine temporale, geografico e culturale.
"Il Teatro Grande di Pompei - spiega Wilson nelle sue note - ci ricorda dove risiedono le radici del teatro moderno – un antico Teatro Romano costruito ad immagine del Teatro di Dioniso ad Atene dove la tragedia Edipo re di Sofocle fu rappresentata per la prima volta nel 429 aC. Il Teatro Olimpico di Vicenza creato da Palladio nel 1585 come primo edificio teatrale coperto fu inaugurato dalla stessa tragedia di Sofocle. È sicuramente una grande sfida quella di misurarsi con questi due spazi che hanno segnato la storia del teatro occidentale. Ed è sicuramente anche un’altra grande sfida quella di realizzare uno spettacolo basato sul mito antico di Edipo basandosi sui versi di Sofocle in una traduzione classica in italiano – e porsi l’obiettivo di presentare una nuova visione della storia per un pubblico contemporaneo.
Lo spettacolo è strutturato in un modo classico: cinque parti ed un prologo, con la prima parte che riflette la quinta, la seconda che rispecchia la quarta, con una terza parte – una pagana cerimonia nuziale - come parte centrale. Ogni parte è caratterizzata da specifici materiali usati sulla scena: assi di legno, rami secchi, lastre di metallo, rami verdi, sedie pieghevoli, grandi fogli di carta catramata. Per me il tema centrale della storia di Edipo è l’oscurità. Egli si propone di far luce sull’assassinio di Laio per liberare Tebe dalla pestilenza. Ma sarà capace di sopportare la luce quando questa infine farà luce su di lui? Sarà capace di confrontarsi con il suo passato, con le sue origini? Come il veggente cieco Tiresia sentenzia: fino a che Edipo avrà la vista, lui sarà cieco. Quando inizierà a vedere la verità, egli si accecherà. Siamo noi in grado oggi di guardare la verità?""
      ["post_title"]=>
      string(7) "OEDIPUS"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(25) "edipo-re-oedipus-the-king"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-30 12:56:02"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-30 11:56:02"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25348"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-01-09 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-01-20 17:00:00"
    }
    [3]=>
    object(WP_Post)#19114 (26) {
      ["ID"]=>
      int(29669)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-11-22 13:17:38"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-22 12:17:38"
      ["post_content"]=>
      string(2845) "Con questo concerto, che rappresenta l’inaugurazione dell’attività della stagione 2019, Dissonanzen esplora il dialogo che s’instaura tra il compositore e l’esecutore chiamato a dare il suo apporto creativo alla partitura. I brani di autori italiani appartengono a un’epoca di forte contiguità tra la composizione contemporanea ed espressioni come il free jazz e l’improvvisazione libera, contiguità che trovò l’espressione più peculiare nel Gruppo d’Improvvisazione Nuova Consonanza e che si afferma in questo programma con l’esecuzione di un lavoro del 2014 del grande sassofonista britannico Evan Parker, pubblicato nell’ultimo CD dell’Ensemble che verrà presentato nella stessa occasione. Il CD è stato pubblicato dall’etichetta indipendente Black Sheep Power Desco Music di Francesco D’Errico. Editore, filosofo, pianista e compositore jazz, D’Errico si è lanciato in questa nuova avventura artistico-produttiva. La nuova etichetta, dal curioso nome Il Potere della Pecora Nera nasce con il preciso intento di essere fedele a due principali criteri di scelta artistica che ne connotano di fatto identità e carattere quali la profondità dell’intenzione creativa e la professionalità artigianale alta e chiara.

Nel 2018 Dissonanzen ha compiuto 25 anni di attività. Inizialmente rivoltasi all’esperienza delle avanguardie storiche (realizzando in prima esecuzione napoletana fondamentali opere del secondo ‘900 come Le Marteau sains Maitre di Pierre Boulez, il Pierrot Lunaire di Schönberg, il Concert for piano di John Cage), Dissonanzen ha cominciato a sviluppare un percorso di produzione di progetti inediti attraverso l’attività dell’Ensemble omonimo, tenendo ben presenti diverse prospettive di intervento, legate sia all’esecuzione di repertorio scritto e anche esplicitamente commissionato, sia opere “aperte” legate all’utilizzo di scritture alternative, partiture grafiche, innesto delle arti visive, della parola, della danza.  Presieduto dal 2000 dal flautista Tommaso Rossi, con il coordinamento artistico del pianista Ciro Longobardi, Dissonanzen è un collettivo artistico che opera nel campo del repertorio musicale contemporaneo, dell'improvvisazione, dell'elettronica, del teatro e della multimedialità, cercando continuamente relazioni, sconfinamenti, corto-circuiti tra le diverse musiche e le altre arti. La presenza di Dissonanzen nella città di Napoli è contrassegnata da innumerevoli collaborazioni con le più importanti istituzioni musicali e culturali: Conservatorio di Musica San Pietro a Majella, Università “Federico II”, Università l’Orientale, Istituto di Cultura francese Grenoble, Goethe Institut, American Studies Center, Fondazione Morra, Museo Madre e, da oggi, anche con il Teatro Stabile di Napoli."
      ["post_title"]=>
      string(39) "DISSONANZEN 2019 - LA FORZA DEL DIALOGO"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(37) "dissonanzen-2019-la-forza-del-dialogo"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-11 20:33:59"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-11 19:33:59"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=29669"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-01-14 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-01-14 23:30:00"
    }
    [4]=>
    object(WP_Post)#19115 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25295)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 14:38:50"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 13:38:50"
      ["post_content"]=>
      string(2329) "Dopo il grande successo di pubblico e critica, ottenuto lo scorso anno con la sua lettura delle Baccanti di Euripide, Andrea De Rosa torna a firmare uno spettacolo prodotto dallo Stabile di Napoli per l'occasione associato allo Stabile di Palermo. Partendo da una scrittura originale di Linda Dalisi, spiega il regista napoletano,  "Abbiamo immaginato un luogo di passaggio, abitato da una moltitudine di esseri uguali e diversissimi, tanti Pulcinelli, tante Pulcinellesse, come in uno dei tanti quadri di Tiepolo, un purgatorio segnato da un “al di qua”, in cui si sta con l’orecchio teso a carpire i suoni di un “al-di-là”, una sotterranea stazione in perenne attesa di un segnale di salvezza che non arriverà mai. Di fronte a questo eterno e insensato silenzio, Pulcinella continua ostinatamente a chiedere “E pecché?”, “E pecché?”, “E pecché?”, con un misto di rabbia, di superbia, di strafottenza, di incredulità e di sfida. Il silenzio è la voce del potere alla quale Pulcinella oppone da sempre la sua stridula vocina da pulcino. Pulcinella è “sofistico”, a Napoli significa che spacca il capello in quattro, ma dopo aver spaccato le cose a metà per analizzarle non ha poi l’attitudine a ricomporre, a ricostruire. E’ filosofo sostanzialmente scettico, che per arrivare ad una ricomposizione avrebbe bisogno di un atto di fede, di una intuizione, di un atteggiamento di abbandono di cui non è capace. La sua straordinaria capacità di mettere in ridicolo il dogmatismo (memorabile “San Gennà, futtetenne” di Troisi) lo rendono un campione del popolo napoletano che in lui ritrova quella forza dionisiaca eruttiva e distruttiva, la cui massima espressione consiste nel mettere in dubbio qualsiasi cosa e il cui primo bersaglio è il dogma, il potere, in tutte le sue forme. Ma, come tutte le forze vulcaniche, quella lava è destinata presto a seppellire tutto. Lo spirito critico si ritorce contro se stessi, distrugge tutto e per questo forse, a Napoli, qualunque rivoluzione sembra destinata prima o poi a diventare un souvenir. E pecchè? E pecchè? E pecchè? Ma Pulcinella non può fermarsi mai, muove guerra persino alla morte, e quello è uno scontro filosofico di fronte al quale non può più essere “sofistico” ma deve vincere… a suon di mazzate"."
      ["post_title"]=>
      string(57) "E PECCHÉ? E PECCHÉ? E PECCHÉ? Pulcinella in Purgatorio"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(51) "e-pecche-e-pecche-e-pecche-pulcinella-in-purgatorio"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-12 11:55:36"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-12 10:55:36"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25295"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-01-17 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-01-27 23:30:00"
    }
    [5]=>
    object(WP_Post)#19116 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25355)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 21:26:56"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 20:26:56"
      ["post_content"]=>
      string(1370) "Il Gabbiano di Cechov, è uno dei testi teatrali più noti di sempre; i personaggi della giovane Nina, del tormentato Konstantin, di sua madre Irina Arkadina, celebre attrice e del suo amante, lo scrittore Trigorin, sono stati portati sui palcoscenici di tutto il mondo dai maggiori attori di teatro e messi in scena dai più celebri registi. Il titolo dell’opera viene da un accostamento simbolico: come l’ignara felicità di un gabbiano, in volo sulle acque di un lago, viene stroncata dall’oziosa indifferenza di un cacciatore, così accade alla sorte di Nina. La ragazza sulle rive del medesimo lago, s’innamora di Trigorin, il quale, senza alcuna malvagità, approfitta della sua femminile smania di aprire le ali, la porta via con sé a fare l’attrice, la rende madre di un bimbo che però muore e infine, la lascia tornare a casa annientata. Ad attenderla c’è il giovane Konstantin, anch’egli scrittore in cerca di gloria, che la ama da molto tempo. La madre di lui però, Arkadina, disprezza l’inconsistenza delle sue liriche fantasie mentre l’amata Nina non vuol saperne di lui. Primo dei quattro capolavori che Čechov scrisse per il palcoscenico, Il Gabbiano è un dramma delle illusioni perdute: nelle angosce, nei turbamenti, nelle sconfitte dei suoi protagonisti, c’è tutta la complessità dell’uomo moderno. "
      ["post_title"]=>
      string(11) "IL GABBIANO"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(11) "il-gabbiano"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-26 12:29:23"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-26 11:29:23"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25355"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-01-22 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-01-27 17:00:00"
    }
    [6]=>
    object(WP_Post)#19118 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25366)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 21:33:56"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 20:33:56"
      ["post_content"]=>
      string(1218) "Armando Pugliese, regista carissimo al pubblico napoletano e non solo, firma la regia di un nuovo testo di Roberto Alajmo improntato a un umorismo noir. Un fortuito incidente automobilistico, una disgrazia nella quale una giovane donna perde la vita a causa della guida distratta di un ventenne. Non è colpa di nessuno, se non del caso, ma il marito della donna non se ne fa una ragione: non sa se perdonare o se vendicare, come le tante voci del quartiere popolare in cui vive gli suggeriscono. Dall’altra parte, il padre del ragazzo non sa come comportarsi, se assolvere in pieno il giovane col pretesto della fatalità o spingerlo a porgere le proprie scuse al vedovo.
A questo punto, in un contesto che sin dall’inizio ha i contorni allucinati di un certo realismo metafisico tipicamente siciliano, sono i fantasmi che bisogna interrogare. Ecco allora la moglie, mischina, e la defunta madre del ragazzo che dispensano consigli, ammoniscono, ragionano e determinano le sorti di questo dramma dei vivi e dei morti, nel quale un certo humour nero ha la funzione catartica di governare l’ordine delle cose, invertendo il senso del vecchio adagio: “Chi muore giace, chi vive si dà pace”."
      ["post_title"]=>
      string(14) "CHI VIVE GIACE"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(14) "chi-vive-giace"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-27 16:33:44"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-27 15:33:44"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25366"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-01-29 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-02-03 17:00:00"
    }
    [7]=>
    object(WP_Post)#19119 (26) {
      ["ID"]=>
      int(27843)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-10-13 11:30:38"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-10-13 10:30:38"
      ["post_content"]=>
      string(1017) "Un monologo fulminante che ripercorre i patimenti della reclusione forzata di Frida Khalo, i lucidi deliri artistici di pittrice affamata di vita e di colore. La sintesi infuocata di un’esistenza piena e tormentata, la parabola di una grande pittrice dal vertice estremo dei suoi giorni.
Viva la vida! descrive la voracità con cui Frida Kahlo ha divorato se stessa nel bene e nel male. Consumata dal dolore fisico, Frida si aggrappa con tutta se stessa alla vita, in un monologo intimista basato sulla forza interiore di questa donna, sulla passione per l’arte, per il Messico, per tutte le relazioni umane vissute con impeto ed intensità.
Si rinnova l’attenta e sensibile ricerca di Gigi Di Luca sull’universo femminile e la collaborazione del regista con Pamela Villoresi, già sperimentata con Memorie di una schiava e La nuotatrice. Uno spettacolo che da voce a una donna straordinaria, capace di afferrare la propria sofferenza e di elevarla a una dimensione poetica e allo stesso tempo trasgressiva."
      ["post_title"]=>
      string(13) "VIVA LA VIDA!"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(12) "viva-la-vida"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-12 11:16:21"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-12 10:16:21"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=27843"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-01-31 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-02-10 23:30:00"
    }
    [8]=>
    object(WP_Post)#19120 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25372)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 21:37:48"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 20:37:48"
      ["post_content"]=>
      string(1394) "Uno psichiatra affronta una crisi professionale e morale quando rifiuta di testimoniare in tribunale a favore di un paziente accusato di avere compiuto una strage. Il penitente, l’ultimo testo composto nel 2016 per il teatro dal drammaturgo statunitense David Mamet - Premio Pulitzer per Glengarry Glen Ross - descrive l’inquietante panorama di una società così alterata nei propri equilibri che l’integrità del singolo, anziché guidare le sue fulgide azioni costituendo motivo di orgoglio, diviene l’aberrazione che devasta la sua vita e quella di chi gli vive accanto.
Coinvolto da un sospetto di omofobia, ‘il penitente’ subisce una vera gogna mediatica e giudiziaria e viene sbattuto “in prima pagina” spostando sulla sua persona la momentanea riprovazione di un pubblico volubile, alla ricerca costante di un nuovo colpevole sul quale fare ricadere la giustizia sommaria della collettività. L’influenza della stampa, la strumentalizzazione della legge, l’inutilità della psichiatria, sono questi i temi di una pièce che si svolge tra l’ambiente di lavoro e il privato del protagonista. La demolizione sociale di un individuo influisce inevitabilmente sul suo rapporto matrimoniale. Un dramma descritto in otto scene, otto atti di confronto tra marito e moglie, con la pubblica accusa e con il proprio avvocato. Fino al colpo di scena finale."
      ["post_title"]=>
      string(12) "IL PENITENTE"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(12) "il-penitente"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-30 13:15:35"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-30 12:15:35"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25372"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-02-06 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-02-17 17:00:00"
    }
    [9]=>
    object(WP_Post)#19121 (26) {
      ["ID"]=>
      int(29883)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-12-10 09:46:19"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-10 08:46:19"
      ["post_content"]=>
      string(1696) "A Pino Carbone - giovane talento della scena napoletana - lo Stabile di Napoli ha affidato la regia di una delle opere più note e amate di Salvatore Di Giacomo. "In Assunta Spina - dichiara il regista in una sua nota - si intrecciano molte tematiche universali, che poiché sono senza tempo possono appartenere a qualsiasi tempo. E ancora ci appartengono.
Una di queste è la complessità, la scomodità, l'inadeguatezza della giustizia. Non a caso il testo si apre in un tribunale, dove una serie di personaggi si affannano smarriti come in un labirinto burocratico, prima che l'autore ci conduca alla quinta sezione del tribunale, dove si sta svolgendo il processo che è già il cuore della vicenda. Sullo sfondo di tutta l'opera, la grande contraddizione di una società che si autopercepisce e si autorappresenta come matriarcale, ma si comporta nei fatti Tra i personaggi non mancano una serie di figure che incarnano questa contraddizione, ma la condanna della società è però tutta per Assunta, la malafemmena. L'intenzione principale è quella di affrontare il testo come si affronterebbe oggi una tragedia classica e trattare la lingua napoletana come si tratterebbe una lingua tragica. L'opera stessa, già contiene le passioni assolute che sono al centro di ogni tragedia. Il tradimento, la sopraffazione, l'onore, l'abbandono, la vendetta, il sangue, la passione, fino al sacrificio finale della stessa Assunta, che si immola di sua volontà come capro espiatorio. Personaggi ingabbiati in una sorta di grande disegno, prigionieri di un deus ex machina che li muove e li determina. La sensazione concreta, rassegnata e visibile di agire in un copione già scritto"."
      ["post_title"]=>
      string(13) "ASSUNTA SPINA"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(15) "assunta-spina-2"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-10 09:46:19"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-10 08:46:19"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=29883"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-02-07 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-02-17 17:00:00"
    }
    [10]=>
    object(WP_Post)#19117 (26) {
      ["ID"]=>
      int(27845)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-10-13 11:34:09"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-10-13 10:34:09"
      ["post_content"]=>
      string(2137) "Angela Pagano confessa una parte di sé del tutto inedita. «Che una Signora della Scena coltivi, con la passione per il teatro, quella per lo sport e per il calcio in particolare, può anche sorprendere», dichiara Antonio Marfella nelle sue note. «Che tale passione l’abbia indotta a rinunciare a scritture estive in occasione dei Mondiali di Calcio, perché non le basta vedere soltanto l’Italia, a ben giudicare, sorprende un po’ meno, essendo le grandi attrici capaci di passioni estreme. Ciò che invece scandalizza è il fatto che, la suddetta Signora della Scena, si dichiari orgogliosamente romanista! Eppure, su una parete del soggiorno del suo appartamento a Monte di Dio, campeggia un bigliettino incorniciato con su scritto: “Bentornta a casa tua. E.”.
“E.”, così si firmava Eduardo De Filippo, che ne battezzò l’ingresso in arte quand’era poco più d’una ragazzina e che vergò quel biglietto quando, attrice già matura, rientrò in compagnia dopo aver lavorato con altri nomi illustri del teatro. “Ma comme signo’? Eduardo, Viviani, Patroni Griffi… e tifate p’ ‘a Roma?!”, le rimproverò il suo salumiere quando lo scoprì. Ma il tifo non è una banale formalità anagrafica, è passione, e la passione è sregolata, se no che passione è? Passione che la donna preferisce coltivare in solitudine davanti alla tv, perché è difficile trovare la giusta compagnia con la quale poter condividere una partita. Un ultrà che ha giurato di non mettere più piede allo stadio, dopo aver scoperto che non vi trasmettono il replay dei gol: si tribola tutto il tempo nell’attesa d’un momento di gioia e, quando arriva, non solo rischi di non accorgertene, ma non puoi neanche riviverlo come ti pare e piace, perché la partita va inesorabilmente avanti. Meglio la tv, allora. Senza mezze misure - preferendo “ringhio” Gattuso a Gigi Riva, i tornanti ai centravanti, lo sci di fondo allo slalom - il rutilante emergere di ricordi e considerazioni di un’attrice scappata dalla prove di Ecuba, per poter guardare fra le mura di casa, una partita che potrebbe invece non cominciare mai»."
      ["post_title"]=>
      string(6) "REPLAY"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(6) "replay"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-12 11:17:58"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-12 10:17:58"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=27845"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-02-21 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-03-03 23:30:00"
    }
    [11]=>
    object(WP_Post)#19122 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25380)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 21:40:43"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 20:40:43"
      ["post_content"]=>
      string(1714) "Come sfuggire alla prigionia d'una vita odiosa, quando hai più di settant'anni? Désiré Cordier, ex bibliotecario, padre di due figli adulti che non hanno più bisogno di lui, trova una via d’uscita originale: essendo sano di mente e avendo una memoria lucida, simula abilmente una demenza senile che costringe la famiglia a mandarlo in una casa di riposo lasciandolo finalmente "in pace". Qui, nel regno delle ombre, tra persone strane che hanno perso il contatto con la realtà, Désiré Cordier trova la libertà, la libertà di vivere secondo la sua discrezione, nella sua realtà, che riempie con le parole di Shakespeare, il suo poeta preferito, facendo scorrere continuamente nella sua testa le scene di Romeo e Giulietta. Il dramma shakespeariano acquista un senso nuovo per Désiré, quando  scopre che nella stessa casa di riposo vive i suoi ultimi giorni Rosa Rosendals, la sua Juliette, che aveva incontrato quando entrambi avevano diciassette anni e che, dopo un fugace incontro sul balcone, aveva cacciato dal suo futuro per timidezza. Ora sono di nuovo insieme e può dirle, sulla soglia della morte, tutto ciò che non le aveva detto allora. In pieno accordo con Shakespeare, dunque, amore e morte si incontrano.
Una storia eterna, rivolta in primo luogo ai giovani. Una storia che ci dice che l'amore, a volte, è una strada lunga come una vita intera. Non bisogna temere la vita, non serve cercare in essa altri sensi oltre all'amore. Una persona ritrovata attraverso l'amore, a qualsiasi età, dona la libertà. E né la vecchiaia, né le malattie, né gli errori del passato possono costituire un ostacolo per il trionfo della liberazione dell'anima."
      ["post_title"]=>
      string(34) "ROMEO&JULIET, OR THE MERCIFUL LAND"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(5) "alisa"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-30 13:22:13"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-30 12:22:13"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25380"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-02-23 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-02-24 17:00:00"
    }
    [12]=>
    object(WP_Post)#19123 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25387)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 21:43:28"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 20:43:28"
      ["post_content"]=>
      string(1153) "Dopo i memorabili allestimenti di L’uomo, la bestia e la virtù (portato in scena nel 1976 con innumerevoli riprese fino alla edizione televisiva del 1991) e Sei personaggi in cerca d’autore (quattro stagioni di tournée teatrale in Italia e all'estero dal 2001 al 2005), Carlo Cecchi torna a Pirandello con uno dei testi più noti del drammaturgo siciliano: Enrico IV. Enrico IV è una pietra miliare del teatro pirandelliano e della sua intera poetica. L'opera porta in scena i grandi temi della maschera, dell'identità, della follia e del rapporto tra finzione e realtà. Lo spettacolo narra la vicenda di un uomo, un nobile dei primi del Novecento, che da vent’anni vive chiuso in casa vestendo i panni dell’imperatore Enrico IV di Germania (vissuto nell’XI secolo), prima per vera pazzia, poi per simulazione ed infine per drammatica costrizione. L'amarezza vibrante di questa tragedia porta a un risultato di limpida bellezza, a una catarsi vera e propria; forse in Enrico IV più che in altre tragedie, il pirandellismo vince i suoi schemi e attinge a una tensione interiore davvero universale."
      ["post_title"]=>
      string(9) "ENRICO IV"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(9) "enrico-iv"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-30 13:23:44"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-30 12:23:44"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25387"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-02-26 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-03-03 17:00:00"
    }
    [13]=>
    object(WP_Post)#19124 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25283)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 14:07:42"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 13:07:42"
      ["post_content"]=>
      string(1517) "Uscito prima a puntate su "Il Mattino" e quindi in volume nel 1891, Il paese di cuccagna è un grande affresco del capoluogo campano, immortalato alla fine dell’'800, con cui Matilde Serao continua e completa il percorso iniziato con Il ventre di Napoli e proseguito con Terno secco. Al centro dell’opera c’è Napoli, la sua gente e il gioco del Lotto. Il gioco come valvola di sfogo quotidiana e possibilità di riscatto, ma anche causa della rovina materiale e morale dell’individuo, deriva dei sogni di facile arricchimento. Il paese di cuccagna è, nell’immaginario collettivo, l’Eden, la terra del benessere che tutti vorrebbero in un sol colpo raggiungere. La miseria non ferma la fantasia dei napoletani, anzi ne acuisce la proverbiale arte di arrangiarsi.
Paolo Coletta lavora sull’adattamento per la scena e sta sviluppando un testo che avrà il suo compimento in una forma di teatro con forti componenti musicali e con il contributo di parti cantate o a ‘tempo’. La messinscena, a partire dalla scrittura, rinuncerà a inseguire la linearità del racconto, cercando di isolare le storie individuali dei personaggi principali, circoscrivendole all'unica realtà rappresentabile scenicamente che è quella di un presente simbolico. Vedremo quindi vivere i protagonisti del romanzo, cercando di prediligere le relazioni e i comportamenti che condurranno ciascuno di loro alla rovina, piuttosto che l'oleografia del catalogo dei caratteri legati alla nostra città."
      ["post_title"]=>
      string(20) "IL PAESE DI CUCCAGNA"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(20) "il-paese-di-cuccagna"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-06 16:08:17"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-06 15:08:17"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25283"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-02-28 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-03-10 17:00:00"
    }
    [14]=>
    object(WP_Post)#19125 (26) {
      ["ID"]=>
      int(28080)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-10-25 11:38:48"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-10-25 10:38:48"
      ["post_content"]=>
      string(2580) "DIECI STORIE PROPRIO COSÌ terzo atto è una “ragionata” provocazione contro quella rete mafiosa, trasversale e onnipresente, che vorrebbe sconfitta la coscienza collettiva, la capacità di capire e reagire. È lo svelamento dei complessi legami che si intrecciano tra economia “legale” ed economia “criminale”, legami che uccidono il libero mercato e minacciano gravemente il nostro futuro.

Siamo partite nel 2012 scavando nella memoria, per ricordare chi ha combattuto le mafie. Questo inizio costituisce l'ossatura imprescindibile della nostra esperienza. Da allora abbiamo viaggiato in tutta Italia, approfondendo il tema della lotta alla criminalità organizzata grazie all'aiuto di alcune università italiane e ai tanti testimoni che ci hanno raccontato le loro storie. Sono più di cinquanta le persone che abbiamo conosciuto e cogliamo l'occasione per ringraziarle: sono stati incontri importanti, ci hanno permesso di accrescere la nostra consapevolezza. Per questa ragione abbiamo deciso di concentrarci sul presente, su ciò che accade ora e su quello che ognuno di noi può realmente fare, assumendoci la responsabilità di un cambiamento faticoso, difficile ma irrinunciabile. Abbiamo approfondito il tema della scelta. La criminalità organizzata si sta appropriando della nostra economia e noi non ce ne siamo accorti? E' una forma di distrazione di massa o siamo complici? Cambia la logica del merito, del diritto, cambiano le regole del profitto e del mercato e siamo incapaci di reagire, ammutoliti e stanchi. Abbiamo tracciato il profilo di personaggi collusi, grazie alla loro complicità le mafie hanno potuto infiltrarsi in tutti i settori dell'economia. E non solo di quella. Ma non è con il disincanto che possiamo combatterli. Non è l'assenza di impegno a salvarci. Per fortuna c'è chi si oppone, rischia, denuncia, indica alternative fattibili a questo degrado. C'è chi sceglie. Vogliamo raccontarvi un'Italia poco conosciuta: il sindaco che combatte le logiche mafiose che intossicano la sua città, il commercialista che contrasta il rapporto tra aziende e denaro sporco, il giornalista, il collaboratore di giustizia, il testimone. Vogliamo farvi conoscere le strategie di impegno di un gruppo di liceali, la sfida di alcuni imprenditori, vogliamo mostrarvi un'Italia viva: aziende, università, comunità che ci propongono un modo diverso di concepire le risorse economiche, gli spazi comuni, la nostra stessa esistenza. Possiamo farlo anche noi. Stare insieme, in teatro, può aiutarci a imparare."
      ["post_title"]=>
      string(37) "DIECI STORIE PROPRIO COSÌ terzo atto"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(36) "dieci-storie-proprio-cosi-terzo-atto"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-26 12:22:31"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-26 11:22:31"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=28080"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-03-06 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-03-07 17:00:00"
    }
    [15]=>
    object(WP_Post)#19126 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25317)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 15:00:00"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 14:00:00"
      ["post_content"]=>
      string(833) "Dopo Y Olé! del 2015 il coreografo José Montalvo offre al pubblico dello Stabile di Napoli una nuova immersione nel suo mondo fatto di sogni che incrociano danza e ricordi personali. Carmen era il nome di sua nonna che era catalana. Ed è stato anche il ruolo preferito di sua madre, che era una danzatrice. Ma l'eroina di Bizet incarna soprattutto temi particolarmente cari al coreografo: incrocio di razze, immigrazione, infanzia, Spagna. Vede nella sensuale sigaraia andalusa una figura universale che attraversa i confini culturali e geografici,  emblema dell'emancipazione femminile e di una ribellione che viene fatta ballando: "Carmen è un'esplosione festante di vita e ritmi. Una musica percorsa da un genio infantile, di grande e gioiosa profondità. Una sfida entusiasmante per una versione coreografica»."
      ["post_title"]=>
      string(9) "CARMEN(S)"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(7) "carmens"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-12 12:12:35"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-12 11:12:35"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25317"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-03-09 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-03-10 23:30:00"
    }
    [16]=>
    object(WP_Post)#19127 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25456)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-24 15:12:54"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-24 14:12:54"
      ["post_content"]=>
      string(826) "Il passo oscuro è di qualcuno che arriva e non sa dove. Quando Cassandra, la grande non creduta, scende dal carro e si avvia, lascia sul campo tutto il suo vedere e prosegue azzerata nella sua potenza. Ed è lì che noi entriamo a occhi chiusi, arresi al non sapere, così come la Nona di Bruckner non sa niente di sé.
Nel suono terribile, divino, della grande sinfonia, il Passo oscuro porta il teatro nel buio della danza con un primo e in seguito con un secondo tempo. Sul palco figure ignote affrontano la forza della musica attirate dalla lunghissima nota finale di questa composizione incompiuta. Il terzo tempo è stato presentato in Corea del Sud, su invito dell’Istituto Italiano di Cultura di Seoul, con una conferenza e con la proiezione di filmati. Al Teatro Mercadante l'opera compie il suo passo successivo."
      ["post_title"]=>
      string(12) "PASSO OSCURO"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(12) "passo-oscuro"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-12 11:34:53"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-12 10:34:53"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25456"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-03-11 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-03-11 23:30:00"
    }
    [17]=>
    object(WP_Post)#19128 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25427)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-24 14:20:35"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-24 13:20:35"
      ["post_content"]=>
      string(3023) "Petruska getta un legame con l’impossibile. Tra noi e il vuoto, tra noi e il nascosto. Pétruska è una marionetta e non è una marionetta, convive nei due mondi, nelle due visioni e esperienze, trascendendo l’esistenza stessa dell’uomo per identificarsi con il gesto liberatorio. Non un semplice scatenamento, ma ascensione per cadere nuovamente nell’esperienza dell’umano. La vita come palestra verso la natura intrecciata da una geografia di sentimenti che ci indica quanto essa, la vita, vada vissuta per quello che è: un travasare inarrestabile da un’esperienza all’altra, e allo stesso tempo esperienza trascendentale, dove il corpo è messo in opera nella sua essenza archeologica, capace di creare un’infinità di gesti e posture figurali secondo un sistema di combinazioni articolari.
Petruska è qui in cammino tra lazzi e innamoramento, tra gioco e tragedia, si dimentica della sua incorporeità e da angelo delle fiere e del divertimento apre uno squarcio nella vita.  Ci permette di penetrare in quel tratto dell’immaginario dove l’essere marionetta ci guida nel vissuto: marionetta che disattiva con le sue movenze e le danze, l’inesorabile decadimento. Dunque, danzare fino alla fine del mondo, fin dal primo momento che già assapora di tragedia nonostante il clima festoso.
Qui la coreografia vuole rimanere fedele al mito di Petruska, così come amiamo alla follia le infinite fuoruscite di Pulcinella che donano leggerezza alla gravità delle azioni.
Lo spettacolo si sviluppa intorno alla relazione tra marionetta e tragedia, gioco e archeologia: un ciclo di azioni sentimentali sulla natura del gesto e l’abilità di stare al mondo.

Petruska è anticipato e introdotto da Chukrum.
La composizione musicale sembra addentrarsi nel “notturno del corpo” svelando piani percettivi che richiamano alla notte rivelatrice di un mondo di forze ancestrali, dell’ origine.
Il brano coreografico si pone in relazione col Petruska, con quello che sta prima e dopo, l’uomo nella sua ricerca continua dell’origine ma anche della leggerezza che segna il suo passaggio. Chukrum propone quattro quadri che introducono un altro punto di vista del fantoccio Petruska e delle sue vicende “umane”: uno sguardo sulla natura dell’uomo, dove il lato oscuro non è altro che l’essenza del corpo nel suo mostrarsi orfano di orpelli.
Tutto il brano allude alla nascita, non solo dell’uomo ma del bagliore che lo genera, del gesto che lo determina. Sembra che ogni avvento avvenga per via della luce, di aloni ed energie che formano una materia che rimane indeterminata, accennando al materializzarsi del corpo. Allo stesso tempo il respiro che risuona in queste apparizioni sembra avere un’ampiezza maggiore rispetto alla capacità data all’uomo di assorbire e restituire l’aria attraverso il suo organismo. L’ampiezza nel suo sostanziarsi attraverso la lentezza molecolare e indicibile dell’origine, introduce la figura del Petruska."
      ["post_title"]=>
      string(8) "PETRUSKA"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(8) "petruska"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-12 11:36:48"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-12 10:36:48"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25427"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-03-12 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-03-14 23:30:00"
    }
    [18]=>
    object(WP_Post)#19130 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25449)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-24 15:01:36"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-24 14:01:36"
      ["post_content"]=>
      string(1111) "La rassegna di danza #stabiledanza del Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale continua al Ridotto del Mercadante con lo spettacolo messo in scena da una storica compagnia di danza napoletana Movimento Danza. Gabriella Stazio porta in scena lo spettacolo Il Luogo del Paradosso Stazio_hostS01E01. Il corpo è il luogo di un paradosso, secondo Jacques Le Goff, ovvero il luogo dove si incontrano peccato e martirio. Un luogo oltre la logica o un problema senza soluzione, oppure contro le regole o meglio oltre l’apparenza. Il Ridotto del Mercadante coreograficamente affidato a Gabriella Stazio, diviene il luogo dove il corpo esprime le sue dicotomie tra esperienza quotidiana e straordinaria, ragione e contraddizione ed ognuna delle quattro serate è l'episodio di un discorso unico.

 

Il progetto si svilupperà i 2 spettacoli distinti (1° e 2° episodio) secondo il seguente calendario:

13 marzo alle ore 18.00 debutto primo episodio
14 marzo alle ore 21.00 replica primo episodio

15 marzo alle ore 18.00 debutto secondo episodio
16 marzo alle ore 21.30 replica secondo episodio"
      ["post_title"]=>
      string(22) "IL LUOGO DEL PARADOSSO"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(22) "il-luogo-del-paradosso"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-12 11:19:25"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-12 10:19:25"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25449"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-03-13 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-03-16 23:30:00"
    }
    [19]=>
    object(WP_Post)#19131 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25435)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-24 14:36:42"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-24 13:36:42"
      ["post_content"]=>
      string(1301) "Non solo Medea si iscrive in una dimensione atemporale e universale. Un tempo sospeso dalla voce di un’attrice per rivelare la modernità delle tragedie greche. Manuela Mandracchia incarna di volta in volta diversi personaggi del teatro greco, monologhi estratti da opere quali Antigone (Sofocle), Edipo Re (Sofocle), Medea (Euripide), Ifigenia in Aulide (Euripide) e Antigone (Jean Anouilh) che riecheggiano per la loro contemporaneità. Composta di sette parti – l’esposizione, il rifiuto, la presa di coscienza, il rimpianto, l’accettazione, la rivolta e l’esito – Non solo Medea interroga con forza la nozione di determinismo in una società in crisi e si fa portatrice, in uno slancio catartico, di un desiderio di cambiamento. Il corpo di diciotto danzatori risponde alle parole del teatro antico sul suono delle percussioni dal vivo. Il dialogo intenso che si crea sulla scena tra i danzatori, l’attrice e il percussionista aumenta la tensione drammatica nella quale amore e lotta sono riunite in questa creazione. Il passato e il presente si sfiorano e si urtano su uno sfondo musicale energico e potente, attingendo tanto al repertorio dei Pink Floyd, quanto ad alcuni estratti delle Sinfonie di Beethoven e Mahler."
      ["post_title"]=>
      string(14) "NON SOLO MEDEA"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(14) "non-solo-medea"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-12 11:38:48"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-12 10:38:48"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25435"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-03-15 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-03-17 23:30:00"
    }
    [20]=>
    object(WP_Post)#19132 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25442)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-24 14:50:04"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-24 13:50:04"
      ["post_content"]=>
      string(740) "Lo spunto di riflessione è il dipinto Le Sette opere della Misericordia di Caravaggio, in esso il linguaggio usato fa sì che la lettura del concetto di Misericordia si basi su un livello reale ed umano, attraverso gesti e personaggi che non ne rappresentano una immagine esteriore ed ideale, ma la rendono viva e profondamente concreta. Le azioni raccontano di corpi che si aiutano e agiscono per un benessere collettivo. La ricerca quindi analizzerà la possibilità di costruire gesti e/o azioni che possono generare atti di misericordia. I corpi dei danzatori come segni di un linguaggio in cui la mutualità del gesto dà vita alla visione di un gruppo che agisce in maniera coesa e non isolata in piccole realtà autonome e distinte."
      ["post_title"]=>
      string(12) "ACT OF MERCY"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(12) "act-of-mercy"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-12 11:40:15"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-12 10:40:15"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25442"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-03-17 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-03-17 23:30:00"
    }
    [21]=>
    object(WP_Post)#19134 (26) {
      ["ID"]=>
      int(27847)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-10-16 12:27:53"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-10-16 11:27:53"
      ["post_content"]=>
      string(860) "I kiwi di Napoli racconta Napoli e in particolare le paure delle nuove generazioni con gli occhi dell'autore tedesco, Philipp Löhle. Racconta anche il sottile velo di luoghi comuni che esiste tra due culture, quella italiana e quella tedesca, da spazzare via. La vicenda si dipana attraverso le storie di un gruppo di giovani che, se all’inizio appaiono indipendenti l’una dall’altra, trovano nel finale un filo rosso che le unisce. Tre storie, tre emergenze, tre tipi di paura che attanagliano la mente dei protagonisti. La paura di non trovare lavoro e di potersi realizzare nella propria città; la paura che la criminalità organizzata possa occupare e gestire in qualche modo la propria vita e la paura atavica, quella che ereditiamo da generazioni, quella rappresentata dalla grande montagna assopita che può svegliarsi da un momento all’altro."
      ["post_title"]=>
      string(16) "I KIWI DI NAPOLI"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(16) "i-kiwi-di-napoli"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-12 11:20:33"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-12 10:20:33"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=27847"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-03-19 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-03-24 23:30:00"
    }
    [22]=>
    object(WP_Post)#19133 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25394)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 21:46:20"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 20:46:20"
      ["post_content"]=>
      string(953) "La scuola delle mogli è una commedia sapiente e di sorprendente maturità: vi si respira un’amarezza ed una modernità come solo negli ultimi testi Molière riuscirà a trovare. Vi è la gioia e il dolore della vita, il teatro comico e quello tragico, come in Shakespeare. Il tutto avviene in un piccolo mondo con pochi personaggi. Una commedia alla Plauto che nasconde uno dei testi più moderni, contraddittori ed inquieti sul desiderio e sull’amore. Dove si dice che la natura da maggiore felicità che non le regole sociali, che gli uomini si sono dati. Dove il cuore senza saperlo insegna molto di più di qualsiasi scuola. Dove Molière riesce a guardarsi senza pietismo, senza assolversi, ma anzi rappresentandosi come il più colpevole di tutti, il più spregevole (ma forse anche il più innamorato), riuscendo ancora una volta a farci ridere di noi stessi, delle nostre debolezze ed incompiutezze, della miseria di essere uomini."
      ["post_title"]=>
      string(21) "LA SCUOLA DELLE MOGLI"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(32) "mercadante-la-scuola-delle-mogli"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-30 13:28:30"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-30 12:28:30"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25394"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-03-20 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-03-31 17:00:00"
    }
    [23]=>
    object(WP_Post)#19135 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25294)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 14:22:01"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 13:22:01"
      ["post_content"]=>
      string(591) "Un’indagine su tre assurde solitudini, sui rapporti asfittici fra tre sorelle che vivono una condizione ‘isterica’, della quale assumono su di sé le forme tipiche: mutismo, cecità e falsa gravidanza. Questa situazione, da piccola tragedia quotidiana porta con sé degli aspetti grotteschi ma anche un’antropologia, legata alla condizione della donna e alla cultura magico-religiosa del popolo meridionale. Richiamando poi il testo anche la forma del giallo, la scena si avventura anche nei territori del gotico e del noir, senza dimenticare la ricca lezione linguistica di Moscato."
      ["post_title"]=>
      string(35) "FESTA AL CELESTE E NUBILE SANTUARIO"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(35) "festa-al-celeste-e-nubile-santuario"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-12 12:15:55"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-12 11:15:55"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25294"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-03-28 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-04-07 17:00:00"
    }
    [24]=>
    object(WP_Post)#19136 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25405)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 21:50:39"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 20:50:39"
      ["post_content"]=>
      string(946) "Dopo l’allestimento della shakespeariana Bisbetica domata (2013-2014), Andrej Konchalovskij firma la sua seconda regia italiana per lo Stabile di Napoli, affrontando uno dei lavori più noti di Ingmar Bergman, Scene da un matrimonio.
Il non detto di Marianne e Johan, una coppia apparentemente felice, finisce con l'esplodere con violenza in seguito alla decisione di lui di abbandonare moglie e figlie per una studentessa. Johan si rivela però come una persona estremamente fragile, vittima delle proprie pulsioni e di un perbenismo fino a quel momento autoimposto. Chi in definitiva riesce ad avere una tenuta più a lungo termine (nonostante l'ansia, le suppliche e gli incubi) finisce con l'essere Marianne nei confronti della quale l'ormai ex marito vorrebbe continuare a mantenere una forma assurda di possesso non concedendole il divorzio ed essendo geloso dei rapporti con altri uomini da lei a sua volta instaurati."
      ["post_title"]=>
      string(22) "SCENE DA UN MATRIMONIO"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(22) "scene-da-un-matrimonio"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-26 17:12:03"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-26 16:12:03"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25405"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-04-03 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-04-14 17:00:00"
    }
    [25]=>
    object(WP_Post)#19137 (26) {
      ["ID"]=>
      int(27849)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-10-13 12:04:32"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-10-13 11:04:32"
      ["post_content"]=>
      string(981) "Dopo il successo di Tomcat la compagnia Bottega Bombardini prosegue il suo percorso attraverso la drammaturgia contemporanea europea.
La storia di Mio mini pony è di una semplicità disarmante: un bambino va a scuola con il suo zainetto. Punto.
Un intenso testo a due voci di un giovane autore spagnolo, Paco Bezerra, che grazie alla sua forza drammaturgica, il suo coraggio e la sua allarmante attualità è stato rappresentato sui palcoscenici di tutto il mondo.
Mio mini pony è una lucida riflessione sulla libertà di scelta; un ritratto brutale sulla cecità dei pregiudizi sociali; sul significato e la responsabilità dell’essere adulti.
Questo testo teatrale è dedicato a tutti gli spettatori che da bambini hanno subito insulti e aggressioni senza che nessuno facesse nulla per evitarlo. Questo spettacolo racconta dei loro genitori.
“Ogni volta che vado a prenderlo a scuola mi viene in mente sempre la stessa cosa: Perché doveva capitarmi un figlio cosi”."
      ["post_title"]=>
      string(12) "IL MINI PONY"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(13) "mio-mini-pony"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-12 11:22:20"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-12 10:22:20"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=27849"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-04-04 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-04-14 23:30:00"
    }
    [26]=>
    object(WP_Post)#19138 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25412)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 21:54:37"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 20:54:37"
      ["post_content"]=>
      string(874) "Mariano Rigillo e Anna Teresa Rossini - diretti da Giuseppe Dipasquale - sono gli interpreti di una deliziosa commedia di Heinrich von Kleist. Una commedia a giusta ragione definita “perfetta” per i suoi meravigliosi meccanismi comici legati ai giochi di parole sessuali e per l’intreccio che sempre più si stringe attorno al collo di un colpevole che in realtà dovrebbe essere un giustiziere. Ma Kleist è stato un genio profondo e drammatico. Sotto la trama comica si intravedono grandi temi: dalla indecifrabilità del reale, al paragone con Edipo Re, a quello biblico (non a caso il giudice si chiama Adamo, la ragazza Eva e il segretario che capisce la realtà Luce). Kleist ha scritto una sola grande commedia, autentico capolavoro, che sembra riecheggiare il motto di Hoffmansthal “dove nascondere la profondità? Dietro la superficie”."
      ["post_title"]=>
      string(15) "LA BROCCA ROTTA"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(32) "morte-di-un-commesso-viaggiatore"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-26 17:14:40"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-26 16:14:40"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25412"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-04-24 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-05-05 17:00:00"
    }
    [27]=>
    object(WP_Post)#19139 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25308)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 14:30:36"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 13:30:36"
      ["post_content"]=>
      string(1730) "Una storia di vigorosa drammaticità che, se pure innestata in una realtà dichiaratamente popolare di quella Napoli di metà Ottocento tanto presente alla tradizione produttiva di Francesco Mastriani, pure sembra contenere al suo interno tutti gli elementi della grande tragedia, consoni a giustificare già nella titolazione il riferimento alla più complessa figura della Medea di tradizione classica. Da questa suggestione, per un richiamo di sconfinamento in qualche modo naturale, nasce il progetto di messinscena che Il Teatro Stabile di Napoli e condividerà con Galleria Toledo, su testo e regia di Laura Angiulli. La trama di Mastriani rimesta negli elementi di un “popolare napoletano” trattato con sapiente mestiere: Coletta Esposito – è questo il nome della sventurata eroina - conduce infanzia e adolescenza fra le mura dell’Annunziata, e lì alleva nell’animo quella straziante fame d’amore il cui soddisfacimento, con passione tirannica affida a Cipriano Barca, l’amante dalla cui relazione nasce una bambina. Cipriano non rivela un’immediata disposizione verso la donna, ma la manipolazione di lei è di tale violenza da non consentire scampo, tanto che lui aderisce alla promessa di sposarla, se pure quell’attrazione che per breve tempo aveva tenuto insieme il rapporto va così affievolendosi da aprirgli la strada a nuovi incontri. Coletta è straziata, furente, accecata dall’odio, spietata; cova la più feroce delle vendette, e nel giorno delle di lui nozze con la nuova innamorata - di più elevata posizione sociale - toglie la vita alla piccola figlia, e nella chiesa proprio sull’altare porta il cadaverino della bimba alla vista del padre, che infine uccide colpendolo al cuore."
      ["post_title"]=>
      string(20) "MEDEA DI PORTAMEDINA"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(20) "medea-di-portamedina"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-26 17:18:42"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-26 16:18:42"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25308"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-04-26 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-05-05 17:00:00"
    }
    [28]=>
    object(WP_Post)#19140 (26) {
      ["ID"]=>
      int(27851)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-10-16 12:27:11"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-10-16 11:27:11"
      ["post_content"]=>
      string(919) "Senzibbile è un testo in cui sono narrate le vicende di una giovane donna, una ragazza dei quartieri napoletani, quelle che la domenica mattina rassettano la casa ascoltando a tutto volume le canzoni del loro cantante neomelodico preferito. Per la protagonista Lucia la venerazione si trasforma in infatuazione e in amore, fino a sfociare nel desiderio di incontrare il suo idolo. La ragazza è una pura e fa i conti con una realtà che non è così patinata come sembra: il giovane cantante ha su di lei ben altri interessi, il bodyguard di questo è un finto duro e cerca di salvare solo se stesso, inoltre la giovane non può fare affidamento neanche sugli affetti familiari, la madre ha doppia ma anche tripla faccia.
È un piccolo affresco che, tra il sogno la realtà e la follia umana che c’è in mezzo, mette in luce con amarezza le aspettative, i fallimenti, le bugie, le meschinità della vita quotidiana."
      ["post_title"]=>
      string(10) "SENZIBBILE"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(10) "senzibbile"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-12-12 11:23:41"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-12-12 10:23:41"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=27851"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-05-02 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-05-12 23:30:00"
    }
    [29]=>
    object(WP_Post)#19141 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25419)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 21:57:51"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 20:57:51"
      ["post_content"]=>
      string(1500) "La guerra di Carlo Goldoni, è la nuova produzione del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. Diretti da Franco Però, ne sono interpreti gli attori della
Compagnia Stabile del Friuli Venezia Giulia e parecchi attori “ospiti” che danno voce alle ironie dell’autore sul tema del conflitto, ma anche a tante osservazioni dalle forti assonanze con l’attualità. La guerra come gioco d’interessi, come cinica occasione di speculazione. «Desideravo ritrovare uno sguardo in prospettiva su un argomento – la guerra – che trova trattazioni altissime nel teatro antico, ma sul quale non va sottovalutato nemmeno il punto di vista di chi ha raccontato, osservato, patito il conflitto fino a pochi secoli fa. Uno sguardo che risulta contemporaneamente universale e affine alla nostra sensibilità» commenta Franco Però. «Goldoni è un autore straordinario per la sua capacità di leggere il mondo e la società, di analizzarne gli aspetti in uno spettro molto vasto» prosegue il regista. «Di questa commedia mi ha sempre colpito l’acutezza nel ritrarre il mondo di “piccoli interessi” che una guerra muove: denunciando le piccole tresche del commissario, Goldoni riesce a chiarire perfettamente una delle ragioni fondamentali per cui le guerre, sempre e comunque, “funzionano”. Lo sfruttamento della situazione bellica di alcuni dei personaggi goldoniani riflette come in uno specchio i terribili macrointeressi per cui i conflitti non vengono spenti mai del tutto…"
      ["post_title"]=>
      string(9) "LA GUERRA"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(9) "la-guerra"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-26 17:20:10"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-26 16:20:10"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25419"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-05-07 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-05-12 17:00:00"
    }
    [30]=>
    object(WP_Post)#19142 (26) {
      ["ID"]=>
      int(25325)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-04-23 15:09:30"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-04-23 14:09:30"
      ["post_content"]=>
      string(1174) "Arrevuoto, il progetto teatrale ideato da Roberta Carlotto e curato da Maurizio Braucci, giunge al suo quattordicesimo movimento. Singolare e innovativa occasione di incontro degli adolescenti e dei giovani con il mondo del teatro, i suoi linguaggi, le sue possibilità di comunicazione, il suo potere formativo, il progetto, prodotto fin dalla sua prima edizione dal Teatro Stabile di Napoli, assume di anno in anno un valore sociale e culturale sempre più forte, agendo in quartieri problematici e complessi come quello di Scampia, dove lavora da tempo una rete di gruppi, di associazioni e operatori del sociale e del mondo della scuola, che con ostinazione e determinazione hanno conseguito e continuano a conseguire risultati di grandissima importanza sociale e culturale. “Arrevuoto 2018-2019” - dichiara Maurizio Braucci - “sarà come sempre una festa di teatro e di musica con un numeroso gruppo di adolescenti napoletani, rom e cittadini del mondo. Il testo a cui ci ispireremo quest'anno è Tutti contro tutti di Arthur Adamov, un dramma del 1953 pieno di ironia sul tema dei rifugiati e dell'altro come specchio di noi stessi”."
      ["post_title"]=>
      string(9) "ARREVUOTO"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(9) "arrevuoto"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-16 17:29:17"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-16 16:29:17"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25325"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-05-11 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-05-12 23:30:00"
    }
    [31]=>
    object(WP_Post)#19143 (26) {
      ["ID"]=>
      int(27804)
      ["post_author"]=>
      string(1) "4"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-10-09 14:35:19"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-10-09 13:35:19"
      ["post_content"]=>
      string(774) "In occasione del suo Centenario, la prestigiosa Associazione Alessandro Scarlatti presenterà anche al Mercadante un importante concerto. "La formula che sintetizza le linee guida della stagione 2018-19 della  Scarlatti, che ci condurrà verso i festeggiamenti pensati per il Centenario dell’Associazione" - dichiara il direttore artistico Tommaso Rossi - "continua ad avere il suo punto di forza nell’offerta di concerti di alta qualità, con la presenza di solisti e gruppi di livello internazionale, e, nello stesso tempo, nella costante apertura verso repertori nuovi o inconsueti, con attenzione da un lato agli interpreti napoletani, dall’altro alla divulgazione e al contatto sempre più stretto con diverse fasce di pubblico mediante iniziative mirate”."
      ["post_title"]=>
      string(67) "CONCERTO PER IL CENTENARIO DELL’ASSOCIAZIONE ALESSANDRO SCARLATTI"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(43) "concerto-per-il-centenario-dellassociazione"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-10-16 15:09:58"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-10-16 14:09:58"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=27804"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-05-14 08:00:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-05-14 23:30:00"
    }
    [32]=>
    object(WP_Post)#19144 (26) {
      ["ID"]=>
      int(27840)
      ["post_author"]=>
      string(1) "2"
      ["post_date"]=>
      string(19) "2018-10-13 11:26:25"
      ["post_date_gmt"]=>
      string(19) "2018-10-13 10:26:25"
      ["post_content"]=>
      string(1455) "Enrico Maria Lamanna firma la regia di Cammuriata e nelle sue note ricorda il suo incontro con questo testo e il suo autore: «Era il 1991 quando conobbi “Peppino” Patroni Griffi, Aldo Terlizzi e ovviamente Leopoldo Mastelloni che oltre a essere amico fu anche il mio maestro introducendomi al mondo di Peppino e al suo. E dopo poco diressi Leopoldo in Le rose rosse no di Peppino con brani originali di Leopoldo. Vi erano anche stralci di Cammurriata che Leopoldo aveva interpretato anni prima sotto la guida dello stesso Peppino. Avevo 28 anni. Mi colpì il linguaggio, quella lingua napoletana usata come mezzo di fuga, verità e forza vitale. Viscere di una terra che si evolve su se stessa. Occhi misericordiosi rabbiosi che vedono questa città cambiarsi imbastardirsi. Era il 1984 e già Peppino era avanti, già sapeva... e una sera a cena mi disse “Napoli ha gli occhi pieni di lacrime e perciò ‘sta puttana non vede più”. E poi ci raccontò una storia che aveva in mente O quatt e maggio. Mi dettò appunti e Leopoldo mi disse di conservarli gelosamente... Ancora oggi li conservo gelosamente... ma questa è un’altra storia. Ora mi ritrovo a dirigere proprio Cammurriata... con un’attrice, Lara Sansone... lei diverrà Napoli... perderà la sua sessualità... diverrà una fata, un furetto, un travestito, una madre e sempre in una solitudine e un abbandono in un vuoto d’amore. A Peppino e alle sue serate piene di tanto...»"
      ["post_title"]=>
      string(11) "CAMMURRIATA"
      ["post_excerpt"]=>
      string(0) ""
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["comment_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["ping_status"]=>
      string(6) "closed"
      ["post_password"]=>
      string(0) ""
      ["post_name"]=>
      string(11) "cammurriata"
      ["to_ping"]=>
      string(0) ""
      ["pinged"]=>
      string(0) ""
      ["post_modified"]=>
      string(19) "2018-11-19 16:46:06"
      ["post_modified_gmt"]=>
      string(19) "2018-11-19 15:46:06"
      ["post_content_filtered"]=>
      string(0) ""
      ["post_parent"]=>
      int(0)
      ["guid"]=>
      string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=27840"
      ["menu_order"]=>
      int(0)
      ["post_type"]=>
      string(12) "tribe_events"
      ["post_mime_type"]=>
      string(0) ""
      ["comment_count"]=>
      string(1) "0"
      ["filter"]=>
      string(3) "raw"
      ["EventStartDate"]=>
      string(19) "2019-05-16 15:59:00"
      ["EventEndDate"]=>
      string(19) "2019-05-26 23:30:00"
    }
  }
  ["post_count"]=>
  int(33)
  ["current_post"]=>
  int(-1)
  ["in_the_loop"]=>
  bool(false)
  ["post"]=>
  object(WP_Post)#19111 (26) {
    ["ID"]=>
    int(25856)
    ["post_author"]=>
    string(1) "4"
    ["post_date"]=>
    string(19) "2018-05-15 10:41:08"
    ["post_date_gmt"]=>
    string(19) "2018-05-15 09:41:08"
    ["post_content"]=>
    string(1813) "Edvard Much lo definì “il più potente paesaggio invernale dell’arte Scandinava”. Ma il freddo dell’inverno, in questa vicenda scabrosa e claustrofobica, è tutto interiore, dell’anima.
John Gabriel Borkman è un self made man: per lui conta la carriera, a tutti i costi. Ha rubato, ma non per sé. Lo ricorda lo storico del teatro Roberto Alonge: ruba «perché si sente il portavoce del progresso, è l’angelo sterminatore del vecchio mondo precapitalistico». Condannato al carcere per i suoi affari poco chiari, Borkman è tornato libero ma si chiude in casa, in attesa di una "grande occasione".
Piero Gobetti descrisse il teatro di Ibsen come «l’itinerario dell’eroe in cerca del suo ambiente»: e qui l’ambiente è condiviso da due sorelle, entrambe presenti nella vita dell’uomo. La moglie, in un matrimonio freddo, aspro e irrisolto; e il primo amore cui Borkman ha rinunciato per interesse. È uno scontro fra femminile e maschile, è un abisso. Afferma ancora Alonge: «è l’universo della Cultura (che vuol dire repressione) contro la vita dell’istinto, della carne, della felicità».
John Gabriel Borkman ha attratto i maggiori registi al mondo: è un’opera complessa, austera, inquieta, e di raffinata bellezza per quei ritratti umani, per i dialoghi che possono essere attualissimi e al tempo stesso eterni. Affidati all’interpretazione di tre grandi attori, a partire da Gabriele Lavia come protagonista, con Laura Marinoni e Federica Di Martino, il Borkman, nelle sue “scene da un matrimonio” che sarebbero state care a Bergman, fa ancora esplodere le ambizioni di un secolo, l’Ottocento, intriso di superomismo e idealismo, di simbolismo e psicopatologia, ma già svela, in nuce, quelli che saranno i grandi traumi del Novecento. E forse di oggi."
    ["post_title"]=>
    string(20) "JOHN GABRIEL BORKMAN"
    ["post_excerpt"]=>
    string(0) ""
    ["post_status"]=>
    string(7) "publish"
    ["comment_status"]=>
    string(6) "closed"
    ["ping_status"]=>
    string(6) "closed"
    ["post_password"]=>
    string(0) ""
    ["post_name"]=>
    string(22) "john-gabriel-borkman-2"
    ["to_ping"]=>
    string(0) ""
    ["pinged"]=>
    string(0) ""
    ["post_modified"]=>
    string(19) "2018-11-30 12:41:56"
    ["post_modified_gmt"]=>
    string(19) "2018-11-30 11:41:56"
    ["post_content_filtered"]=>
    string(0) ""
    ["post_parent"]=>
    int(0)
    ["guid"]=>
    string(71) "https://www.teatrostabilenapoli.it/?post_type=tribe_events&p=25856"
    ["menu_order"]=>
    int(0)
    ["post_type"]=>
    string(12) "tribe_events"
    ["post_mime_type"]=>
    string(0) ""
    ["comment_count"]=>
    string(1) "0"
    ["filter"]=>
    string(3) "raw"
    ["EventStartDate"]=>
    string(19) "2018-12-05 08:00:00"
    ["EventEndDate"]=>
    string(19) "2018-12-16 23:30:00"
  }
  ["comment_count"]=>
  int(0)
  ["current_comment"]=>
  int(-1)
  ["found_posts"]=>
  int(33)
  ["max_num_pages"]=>
  int(0)
  ["max_num_comment_pages"]=>
  int(0)
  ["is_single"]=>
  bool(false)
  ["is_preview"]=>
  bool(false)
  ["is_page"]=>
  bool(false)
  ["is_archive"]=>
  bool(true)
  ["is_date"]=>
  bool(false)
  ["is_year"]=>
  bool(false)
  ["is_month"]=>
  bool(false)
  ["is_day"]=>
  bool(false)
  ["is_time"]=>
  bool(false)
  ["is_author"]=>
  bool(false)
  ["is_category"]=>
  bool(false)
  ["is_tag"]=>
  bool(false)
  ["is_tax"]=>
  bool(true)
  ["is_search"]=>
  bool(false)
  ["is_feed"]=>
  bool(false)
  ["is_comment_feed"]=>
  bool(false)
  ["is_trackback"]=>
  bool(false)
  ["is_home"]=>
  bool(false)
  ["is_404"]=>
  bool(false)
  ["is_embed"]=>
  bool(false)
  ["is_paged"]=>
  bool(false)
  ["is_admin"]=>
  bool(false)
  ["is_attachment"]=>
  bool(false)
  ["is_singular"]=>
  bool(false)
  ["is_robots"]=>
  bool(false)
  ["is_posts_page"]=>
  bool(false)
  ["is_post_type_archive"]=>
  bool(true)
  ["query_vars_hash":"WP_Query":private]=>
  string(32) "69e99c8295c277f56befc223e666b76a"
  ["query_vars_changed":"WP_Query":private]=>
  bool(true)
  ["thumbnails_cached"]=>
  bool(false)
  ["stopwords":"WP_Query":private]=>
  NULL
  ["compat_fields":"WP_Query":private]=>
  array(2) {
    [0]=>
    string(15) "query_vars_hash"
    [1]=>
    string(18) "query_vars_changed"
  }
  ["compat_methods":"WP_Query":private]=>
  array(2) {
    [0]=>
    string(16) "init_query_flags"
    [1]=>
    string(15) "parse_tax_query"
  }
  ["tribe_is_event"]=>
  bool(true)
  ["tribe_is_multi_posttype"]=>
  bool(false)
  ["tribe_is_event_category"]=>
  bool(false)
  ["tribe_is_event_venue"]=>
  bool(false)
  ["tribe_is_event_organizer"]=>
  bool(false)
  ["tribe_is_event_query"]=>
  bool(true)
  ["tribe_is_past"]=>
  bool(false)
  ["tribe_is_week"]=>
  bool(false)
  ["tribe_is_photo"]=>
  bool(false)
  ["tribe_is_map"]=>
  bool(false)
  ["tribe_is_event_pro_query"]=>
  bool(true)
}

IN EVIDENZA

NEWS

MUSEO DELL' ATTORE

TOURNÉE

Newsletter
« dicembre, 2018 » loading...
L M M G V S D
26
27
28
29
30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4
5
6
gio 13

JOHN GABRIEL BORKMAN

5 dicembre 2018   16 dicembre 2018
Teatro Mercadante, 12 Maggio ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 12 Giugno ore 17.00 e
Teatro Mercadante, 12 Luglio ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 12 Agosto ore 19.00 e
Teatro Mercadante, 12 Settembre ore 18.00 e
Teatro Mercadante, 12 Novembre ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 12 Dicembre ore 17.00 e
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 17.00 e
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 19.00 e
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 18.00 e
mer 26

IL SENSO DEL DOLORE

26 dicembre 2018   6 gennaio 2019
Teatro San Ferdinando, 1 Gennaio ore 21.00 e
Teatro San Ferdinando, 1 Gennaio ore 21.00 e
Teatro San Ferdinando, 1 Gennaio ore 21.00 e
Teatro San Ferdinando, 1 Gennaio ore 19.00 e
Teatro San Ferdinando, 1 Gennaio ore 18.00 e
Teatro San Ferdinando, 1 Gennaio ore 19.00 e
Teatro San Ferdinando, 1 Febbraio ore 17.00 e
Teatro San Ferdinando, 1 Marzo ore 17.00 e
Teatro San Ferdinando, 1 Aprile ore 21.00 e
Teatro San Ferdinando, 1 Maggio ore 19.00 e
Teatro San Ferdinando, 1 Giugno ore 18.00 e

Offerte speciali

Vai su PROMOZIONI per scoprire quali prezzi speciali abbiamo attivato per gli spettacoli in programma. Acquista subito il biglietto seguendo le indicazioni e i link della pagina. Ti aspettiamo in sala.
Maggiori Informazioni

Carta docente e 18App


Approfondisci

Bandi

Sezione bandi
Maggiori Informazioni