Caricamento Eventi

IL COSTRUTTORE SOLNESS

TEATRO MERCADANTE 6 maggio 2020   17 maggio 2020
Teatro Mercadante, 5 Giugno ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 5 Luglio ore 17.00 e
Teatro Mercadante, 5 Agosto ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 5 Settembre ore 19.00 e
Teatro Mercadante, 5 Ottobre ore 18.00 e
Teatro Mercadante, 5 Dicembre ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 17.00 e
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 17.00 e
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 19.00 e
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 18.00 e

Evento Navigation

06/05/2020 ore 21.00
07/05/2020 ore 17.00
08/05/2020 ore 21.00
09/05/2020 ore 19.00
10/05/2020 ore 18.00
12/05/2020 ore 21.00
13/05/2020 ore 17.00
14/05/2020 ore 17.00
15/05/2020 ore 21.00
16/05/2020 ore 19.00
17/05/2020 ore 18.00

IL COSTRUTTORE SOLNESS
da Henrik Ibsen
uno spettacolo di Alessandro Serra
con Umberto Orsini
e Lucia Lavia, Renata Palminiello, Pietro Micci, Chiara Degani, Salvo Drago
e con Flavio Bonacci

produzione Compagnia Orsini, Teatro Stabile dell’Umbria

Il grande attore Umberto Orsini darà vita a Solness, un grande costruttore che edifica la propria fortuna sulle ceneri della casa di famiglia della moglie derubandola di ogni possibile felicità futura. Solness è terrorizzato dai giovani che picchiano alla porta e chiedono ai vecchi di farsi da parte. Ma la giovane Hilde non si preoccupa di bussare, decide di fare irruzione con una energia sottile e implacabile. È tornata per rivendicare il suo regno di Principessa. Quel castello in aria che il grande costruttore le promise dieci anni prima.  Solness si nutre della vita delle donne che lo circondano ma quest’ultima gli sarà fatale e lo accompagnerà, amandolo, fino al bordo del precipizio.
Se Solness è un costruttore, Ibsen è un perfetto architetto in grado di edificare una casa dall’aspetto perfettamente borghese e ordinario, nelle cui intercapedini si celano principesse dimenticate, demoni e assistenti magici al servizio del padrone. Il giorno del giudizio sotteso in tutta l’opera di Ibsen trova esplicita dichiarazione finale nel momento in cui, al culmine di tre atti in costante tensione, si arriverà alla sentenza finale. Una condanna inesorabile che sarà lo stesso Solness ad emettere contro sé stesso, senza pietà.
Solness soffre di vertigini, è già salito su una torre superando in un delirio di onnipotenza la paura del vuoto fino ad arrivare a dare del tu a Dio, minacciandolo di non costruire mai più chiese per lui. Ma dopo dieci anni il senso di colpa nei confronti della moglie e la paura di dover cedere il posto ai giovani lo indeboliranno e quando Hilde lo condurrà nuovamente in cima a una sua opera, si accorgerà che ciò che ha realizzato come uomo e come artista è troppo fragile per sostenere il peso della perduta felicità.

Spettacolo in abbonamento
fisso al Mercadante