Caricamento Eventi

IL LUOGO DEL PARADOSSO

coreografia Gabriella Stazio

RIDOTTO DEL MERCADANTE 13 marzo 2019   16 marzo 2019
Ridotto del Mercadante, 1 Gennaio ore 18.00 e
Ridotto del Mercadante, 1 Gennaio ore 21.00 e
Ridotto del Mercadante, 1 Gennaio ore 18.00 e
Ridotto del Mercadante, 1 Gennaio ore 21.30 e

Evento Navigation

13/03/2019 ore 18.00
14/03/2019 ore 21.00
15/03/2019 ore 18.00
16/03/2019 ore 21.30

IL LUOGO DEL PARADOSSO
ideazione e coreografie Gabriella Stazio
con l’apporto creativo degli artisti in scena nella parte di se stessi Roberta Escamilla Garrison,
Joseph Fontano, Claudio Malangone, Sonia Di Gennaro, Michele Simonetti, Angela Caputo
musiche originali dal vivo e sound design Francesco Giangrande
disegno luci Peppe Cino

produzione Movimento Danza, Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale

Durata ciascun episodio: 55 minuti

Gabriella Stazio parla del suo nuovo progetto coreografico partendo da Jacques Le Goff:
“Il corpo è il luogo di un paradosso, secondo lo storico francese, ovvero il luogo dove si incontrano peccato e martirio. Un luogo oltre la logica o un problema senza soluzione, oppure contro le regole o meglio oltre l’apparenza. Il corpo è il luogo cruciale delle tensioni dinamizzanti dell’Occidente tra esperienza quotidiana e straordinaria, ragione e contraddizione. Se da un lato la storia del corpo è una storia fatta di oblio, della rinuncia al corpo, dall’uso politico della metafora corporea fatto dalla cultura occidentale, dall’altro, come dice Le Goff, è necessario restituire un corpo alla storia. E dare una storia al corpo.
Il Ridotto del Mercadante diviene il luogo dove raccontare il corpo. La coreografia si compone di due episodi, due coreografie diverse ed allo stesso tempo parte del medesimo racconto, ognuna con una sua replica. Sarà emozionante lavorare per dare il loro posto alle avventure del corpo – Marc Bloch – scavare, dissotterrare insieme ai danzatori, per liberarlo dalla costanza dell’oblio – reprimere, interiorizzare, privatizzare – alla ricerca delle avventure che i nostri corpi hanno vissuto e quelle che stanno vivendo. Il corpo è la metamorfosi dei tempi nuovi. Di stupefacenti convergenze, come di irriducibili divergenze, in cui la storia del corpo è il non pensato della civiltà occidentale, il non detto. La rivincita del corpo è ora”.

Il progetto si svilupperà i 2 spettacoli distinti (1° e 2° episodio) secondo il seguente calendario:

13 marzo alle ore 18.00 debutto primo episodio
14 marzo alle ore 21.00 replica primo episodio

15 marzo alle ore 18.00 debutto secondo episodio
16 marzo alle ore 21.30 replica secondo episodio

Spettacolo in abbonamento
a scelta al Mercadante | a scelta al San Ferdinando