Caricamento Eventi

Macbeth

di William Shakespeare - traduzione Gianni Garrera, adattamento e regia Luca De Fusco

TEATRO MERCADANTE 26 ottobre 2016   13 novembre 2016
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 17.00 e
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 19.00 e
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 18.00 e
Teatro Mercadante, 11 Gennaio ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 11 Febbraio ore 17.00 e
Teatro Mercadante, 11 Marzo ore 17.00 e
Teatro Mercadante, 11 Aprile ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 11 Maggio ore 19.00 e
Teatro Mercadante, 11 Giugno ore 18.00 e
Teatro Mercadante, 11 Agosto ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 11 Settembre ore 17.00 e
Teatro Mercadante, 11 Ottobre ore 17.00 e
Teatro Mercadante, 11 Novembre ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 11 Dicembre ore 19.00 e
Teatro Mercadante, 1 Gennaio ore 18.00 e

Evento Navigation

26/10/2016 ore 21.00
27/10/2016 ore 17.00
28/10/2016 ore 21.00
29/10/2016 ore 19.00
30/10/2016 ore 18.00
01/11/2016 ore 21.00
02/11/2016 ore 17.00
03/11/2016 ore 17.00
04/11/2016 ore 21.00
05/11/2016 ore 19.00
06/11/2016 ore 18.00
08/11/2016 ore 21.00
09/11/2016 ore 17.00
10/11/2016 ore 17.00
11/11/2016 ore 21.00
12/11/2016 ore 19.00
13/11/2016 ore 18.00

MACBETH
di William Shakespeare
traduzione Gianni Garrera
adattamento e regia Luca De Fusco
con Luca Lazzareschi, Gaia Aprea, Fabio Cocifoglia, Paolo Cresta, Francesca De Nicolais, Claudio Di Palma, Luca Iervolino, Gianluca Musiu, Alessandra Pacifico Griffini, Giacinto Palmarini, Alfonso Postiglione, Federica Sandrini, Paolo Serra, Enzo Turrin
e con le danzatrici della compagnia Körper Chiara Barassi, Sibilla Celesia, Sara Lupoli
voce fuori campo Angela Pagano
in video Lorenzo Papa

scene Marta Crisolini Malatesta
costumi Zaira de Vincentiis
luci Gigi Saccomandi
musiche Ran Bagno
installazioni video Alessandro Papa
coreografie Noa Wertheim

regista assistente Alessandra Felli
coreografa assistente
Rina Wertheim
assistente scene
Laura Giannisi
assistente costumi
Elena Soria
direttore di scena
Teresa Cibelli
capomacchinista
Nunzio Opera
elettricista
Marco Spina
tecnico video
Sebastiano Mazzillo
fonico
Italo Buonsenso
caposarta
Roberta Mattera
sarta
Daniela Guida
trucco
Bruna Calvaresi
amministratrice di compagnia
Simona Di Nardo
foto di scena
Fabio Donato
assistente direttore di scena stagista
Melissa De Vincenzo
le musiche registrate sono eseguite da
Karni Postel [violoncello], Glia Hai [viola], Nona choir [voci] dirette da Zvika Vogel

realizzazione scene L’Aquila scena
realizzazione costumi Tirelli
parrucche Audello
calzature Pompei
materiale elettrico, fonico, video Emmedue
trasporti Autotrasporti Criscuolo

produzione Teatro Stabile di Napoli, Teatro Stabile di Catania
in collaborazione con Fondazione Campania dei Festival – Napoli Teatro Festival Italia

Questa edizione del Macbeth si pone come ideale prosecuzione del lavoro già avviato con Antonio e Cleopatra e Orestea, due spettacoli che si sono fortemente connotati nel senso della sperimentazione e della contaminazione tra linguaggi. Anche in questo caso il teatro si mescola con le installazioni video in modo ancora più complesso e variegato rispetto ai lavori precedenti. Lo spettacolo si collega ad Orestea per il rapporto tra teatro, musica e danza, proseguendo la collaborazione con gli artisti israeliani Ran Bagno e Noa Wertheim. Si richiama invece più

Questa edizione del Macbeth si pone come ideale prosecuzione del lavoro già avviato con Antonio e Cleopatra e Orestea, due spettacoli che si sono fortemente connotati nel senso della sperimentazione e della contaminazione tra linguaggi. Anche in questo caso il teatro si mescola con le installazioni video in modo ancora più complesso e variegato rispetto ai lavori precedenti. Lo spettacolo si collega ad Orestea per il rapporto tra teatro, musica e danza, proseguendo la collaborazione con gli artisti israeliani Ran Bagno e Noa Wertheim. Si richiama invece più ad Antonio e Cleopatra per l’analogia testuale, per il ritorno della coppia Lazzareschi – Aprea, per la stimolante collaborazione col traduttore Gianni Garrera, per i rapporti tra trasparenze scenografiche, video e  luci, sempre più essenziali nel mio modo di fare scrittura scenica e che trovano nella collaborazione con Marta Crisolini Malatesta nuovi fecondi spunti.
Ho cercato di lavorare ad uno stile meno monumentale e più visionario rispetto ai lavori precedenti assecondando la natura fantastica del testo che vede i suoi momenti fondamentali (apparizione delle streghe, visione del pugnale, fantasma di Banquo, apparizione dei Re, delirio del sonnambulismo di lady Macbeth) tutti fortemente contrassegnati dal tema del sogno, del delirio, insomma dell’irreale.
Non abbiamo ambientato lo spettacolo in un’epoca precisa ma in un clima sospeso tra Medioevo e primo Novecento.
La letteratura critica sul Macbeth è sterminata e si potrebbero riempire pagine di citazioni che il regista deve fare però con la scrittura scenica e non con quella delle note. Basti perciò dire che non abbiamo dimenticato lo scritto di Freud che parla di Macbeth e Lady Macbeth come di un’unica persona e che lo spettacolo parte dall’intuizione di Bloom: il grande critico shakespeariano sostiene che il Macbeth è ambientato nella testa del protagonista. Potrà quindi sembrare curiosa la centralità di una camera da letto in una storia di guerra e morte, ma io credo che in realtà questo sia un testo psichiatrico, teologico, filosofico e non una pura e semplice lotta per il potere.
Nel quattrocentesimo anniversario della morte di uno dei maggiori scrittori di tutti i tempi, mi piace dedicare questa regia a mio figlio Giacomo che inizia  quest’anno il primo passo nella carriera della scrittura.

Luca de Fusco

Spettacolo in abbonamento: Mercadante fisso / San Ferdinando a scelta