Caricamento Eventi

OH SCUSA DORMIVI

regia Marcello Cotugno

RIDOTTO DEL MERCADANTE 30 gennaio 2020   9 febbraio 2020
Ridotto del Mercadante, 1 Gennaio ore 21.00 e
Ridotto del Mercadante, 1 Gennaio ore 17.00 e
Ridotto del Mercadante, 2 Gennaio ore 17.00 e
Ridotto del Mercadante, 2 Febbraio ore 21.00 e
Ridotto del Mercadante, 2 Aprile ore 17.00 e
Ridotto del Mercadante, 2 Maggio ore 21.00 e
Ridotto del Mercadante, 2 Giugno ore 21.00 e
Ridotto del Mercadante, 2 Luglio ore 17.00 e
Ridotto del Mercadante, 2 Agosto ore 17.00 e
Ridotto del Mercadante, 2 Settembre ore 21.00 e

Evento Navigation

30/01/2020 ore 21.00
31/01/2020 ore 17.00
01/02/2020 ore 17.00
02/02/2020 ore 21.00
04/02/2020 ore 17.00
05/02/2020 ore 21.00
06/02/2020 ore 21.00
07/02/2020 ore 17.00
08/02/2020 ore 17.00
09/02/2020 ore 21.00

OH SCUSA DORMIVI
di Jane Birkin 
regia Marcello Cotugno
con Anna Ammirati e un attore da definire
aiuto regia Martina Gargiulo
produzione Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale, Khora.Teatro

Marcello Cotugno firma la regia di un interessante testo di Jane Birkin sui problemi di coppia intitolato Oh scusa dormivi. Di notte, afflitta dall’insonnia, una donna confessa al marito di nutrire molti dubbi sulla loro relazione, nati dalla sensazione che il loro amore si stia esaurendo. Non riuscendo a ottenere rassicurazioni soddisfacenti dal marito, la donna si vedrà costretta a prendere una decisione importante. “La crisi, la precarietà, l’amore liquido, la società liquida, hanno segnato le nostre azioni negli ultimi vent’anni, minando fortemente concetti come famiglia, monogamia e, in generale ogni forma di impegno sentimentale che implichi un senso di responsabilità”, scrive Marcello Cotugno nelle note. “Ecco che i due protagonisti, passati ormai i quarant’anni, in una lunga notte di dubbi, indagano sulla loro relazione, sul loro amore, che forse non c’è più o che forse non c’è mai stato, perché minacciato costantemente dalla presenza assenza di un terzo incomodo. Le domande si ripetono: mi ami ancora? Sono bella? Nella lunga notte, ispirata anche alla relazione che la Birkin ebbe con Serge Gainsbourg, è in ballo qualcosa di più delle risposte che lei sta cercando da lui. Un bilancio esistenziale, che è anche un grido di allarme per tutti noi: provare a non fuggire dalle nostre responsabilità per tentare, attraverso il dialogo e l’analisi a tenere vivi i nostri amori, sembra una sfida interessante e possibile”.