Caricamento Eventi

SCENE DA FAUST

di Johann Wolfgang Goethe

TEATRO MERCADANTE 4 febbraio 2020   9 febbraio 2020
Teatro Mercadante, 2 Aprile ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 2 Maggio ore 17.00 e
Teatro Mercadante, 2 Giugno ore 17.00 e
Teatro Mercadante, 2 Luglio ore 21.00 e
Teatro Mercadante, 2 Agosto ore 19.00 e
Teatro Mercadante, 2 Settembre ore 18.00 e
04/02/2020 ore 21.00
05/02/2020 ore 17.00
06/02/2020 ore 17.00
07/02/2020 ore 21.00
08/02/2020 ore 19.00
09/02/2020 ore 18.00

SCENE DA FAUST
di Johann Wolfgang Goethe
versione italiana Fabrizio Sinisi
regia e drammaturgia Federico Tiezzi
con Dario Battaglia, Alessandro Burzotta, Nicasio Catanese, Valentina Elia, Fonte Fantasia, Marco Foschi, Francesca Gabucci, Ivan Graziano, Leda Kreider, Sandro Lombardi, Luca Tanganelli

scene e costumi Gregorio Zurla
luci Gianni Pollini
regista assistente Giovanni Scandella
coreografo Thierry Thieû Niang
canto Francesca Della Monica

coordinamento tecnico dell’allestimento Marco Serafino Cecchi
assistente all’allestimento Giulia Giardi
scene realizzate da Silvano Santinelli Scenografie SRL e dal Laboratorio di scenografia del Metastasio
capo macchinista Tobia Grassi
capo elettricista Massimo Galardini
costumi realizzati dalla Bottega di Alta Specializzazione delle Manifatture Digitali Cinema Prato
con Bianca Vannucci e Silvia Salvaggio (MDC)

direttore di scena Marco Serafino Cecchi
macchinista Tobia Grassi
elettricista Gianni Pollini
fonico/tecnico video Daniele Santi
sarta Chiara Lanzillotta

cura della produzione Camilla Borraccino
ufficio stampa Simona Carlucci, Cristina Roncucci
foto Luca Manfrini
video Nicola Bellucci (Neuland Film)
progetto grafico ed editing Francesco Marini

produzione Teatro Metastasio di Prato, Compagnia Lombardi-Tiezzi
in collaborazione con Fondazione Sistema Toscana/Manifatture Digitali Cinema Prato e Teatro Laboratorio della Toscana/Associazione Teatrale Pistoiese

Dopo l’incontro con il mito classico di Antigone, Federico Tiezzi affronta, attraverso l’opera di Goethe, un altro grande mito: quello di Faust. Il racconto di un sapiente studioso di teologia, filosofia e scienze naturali che, per ottenere conoscenze ancora più vaste, potere e giovinezza, vende la propria anima a Mefistofele mediante un contratto firmato col sangue. 
Goethe lavorò al Faust per sei decenni, dal 1772 al 1831, costruendo un’opera monumentale intorno alla figura del medico e mago cinquecentesco. Attraverso Goethe questo personaggio che aspira alla totalità della conoscenza e all’eterna giovinezza è divenuto parte dell’immaginario collettivo della cultura occidentale, oltre che simbolo della crisi della coscienza e dell’anima dell’uomo contemporaneo.
Nella prima parte del Faust, quella che viene presa in esame da questo spettacolo, è centrale la figura di Mefistofele: che si pone come il doppio speculare di Faust, la sua metà, il suo alter ego e, freudianamente, la proiezione del suo inconscio.
Nella nostra epoca l’immagine di un patto con il Demonio forse non fa più troppa paura, forse… Ma i bisogni che spingono Faust a vendere l’anima ancora ci turbano: la brama di conoscenza, l’aspirazione a un’eterna giovinezza, la ricerca della saggezza, delle risposte alle domande su che cosa siano la natura, la storia e la vita dell’uomo.
Il Faust goethiano è teatro, puro teatro: luogo in cui si incontrano la potenza dell’epos e l’intimità della lirica, la speculazione filosofica e l’afflato della Storia nel suo incontro con la Natura: temi che si riversano sulla scena nella complessità di un dramma cosmico che gira su due perni, il bene e il male.

Spettacolo in abbonamento
a scelta al Mercadante | a scelta al San Ferdinando